La famiglia di Beatrice

La famiglia di Beatrice

La famiglia di Beatrice
(1984)


Die Familie der Beatrice

Die Familie der Beatrice (1986)


Via Sant'Antonio

Via Sant'Antonio
(1987)


ch 91

ch 91
(1995)


Evviva il Duce

Evviva il Duce
(2005)



Presente e passato

Presente e passato
(2006)



Presente e passato

Trilogia di Locarno
(2010)


 

 

Presente e passato


18 RACCONTI
(2012)

 

Presente e passato

NOVITÀ
GENTE DI BRISSAGO
(2015)

 

 

 

La famiglia di Beatrice - Arnaldo Alberti (1984)

Hestel

A Locarno, nel 1855, una rissa è il pretesto per fare una rivoluzione. Allora di libertà, per un popolo di frontiera di un minuscolo Stato, ce n'è per tutti: per i colonnelli che montan splendidi cavalli bianchi, per i deputati che sanno cogliere le occasioni e diventano ministri, per i giudici dei tribunali d'eccezione che condannano a morte i perdenti. Dopo i fatti storici, cent'anni di quiete, eppoi finalmente qualcuno si agita ancora: i giovani s'infuocano per la giustizia. Ma questa volta non scoppia la rivoluzione: quello scalmanarsi è, e rimane un gioco. Le rivolte serie, che contano, sono individuali, solitarie: quella di Trivina che per istinto sa come far soldi in una Svizzera dove, si dice, la ricchezza è la sola possibilità di riscatto da una condizione di abiezione morale. In antitesi con quella della sorella Trivina, la rivolta del fratello che, in una famiglia di perdenti, resta orgoglioso e fiero, non si piega e non vende niente di se stesso, né fa spreco di sentimenti. Personaggi inventati che si muovono in una piccola città vera: la Locarno che ha rimosso dalla coscienza, o volutamente dimenticato la sua storia, forse per il timore che i suoi abitanti d'oggi hanno di scoprire d'aver compiuto in passato qualcosa di grande e di buono, anche e persino con le azioni piú meschine. Storie di gente comune di uno Stato svizzero italiano, che ieri ha venduto l'acqua dei suoi fiumi, oggi vende la terra, e domani forse cederà l'anima ai "Signori del Nord", perché, scrive l'autore: "... il ticinese è generoso e buono; vuole ostinatamente e sempre offrire qualcosa di piú di quanto gli vien chiesto... ".

Non solo romanzo dunque, ma cronaca, tenera per i vinti e spietata per i vincitori che, soddisfatti e sazi, scacciano sempre dal loro campo la giustizia.

L'architettura del libro, il continuo alternarsi dei tempi e dei toni, il felice incontro di differenti stili, sono una sorprendente testimonianza di rinnovamento della narrativa italiana


Home BiografiaBibliografiaArticoliForumContatto
 
 
Arnaldo Alberti © 2005 Tutti i diritti riservati