Biografia
1954

Esordisce a 18 anni. Partecipa a un concorso letterario bandito dalla rivista AUTO dell'ACS col racconto Sínfonia e luci. Premiato con Adriano Soldini e Mario Agliati. In giuria Piero Bianconi e Felice Filippini.

1957/58
Scrive il racconto lungo in prosa La madre (inedito).
1958
La rivista letteraria e culturale Gli ultimi edita a Bellinzona da un gruppo di giovani, pubblica a puntate il racconto lungo Tre soli di marte
1959/60
Pubblica quattro racconti sul quotidiano Gazzetta ticinese invitato dall'allora direttore Pino Bernasconi
1960
Promosso tenente alla scuola ufficiali delle truppe motorizzate di Thun Scrive un saggio critico sul libro di liriche Il Silos del poeta Angelo Casé Scrive la prima versione di Giusquiamo, il primo romanzo della Trilogia di Locarno
1963
Scrive La famiglia di Beatrice, secondo romanzo della Trilogia di Locarno
1966
E' designato capo dell'Ufficio dello stato civile e delle tutele della città di Locarno
1968
Promosso capitano alla scuola ufficiali di Thun
1970
Vince il 2. premio per il concorso Originali televisivi, bandito dalla TSI con il lavoro Da dove veniamo. II 1. premio era stato dato, scandalosamente, all'alto funzionario ed attuale vicedirettore dell'ente Dino Balestra. II lavoro non è mai stato realizzato dalla TV, proprio per la poca limpidezza dell'agire di questo ente che con mezzi mafiosi si autopremia.
1976
Premio al concorso bandito dalla Società Svizzera Scrittori in collaborazione con Cooperazione per la novella Il padre e i briganti.
1977
E' traduttore dal tedesco all'italiano per la Rivista svizzera di diritto tutelare alla quale collabora con alcuni contributi scientifici.
1978/79
Scrive Via SantAntonio, terzo romanzo della Trilogia di Locarno
1979
E' designato dal Consiglio federale membro della Commissione federale di stato civile, che si occupa della revisione del diritto civile. Rimane nella commissione fino al mese di marzo del 1995.
1981
La rivista letteraria e di cultura Cenobio pubblica il racconto Turica Altopiano
1981
Promosso maggiore dopo la scuola militare 2b di Herisau.
1983
Riceve per il romanzo La famiglia di Beatrice il premio Ascona. La giuria è composta da Alberto Bevilacqua, Vittore Branca, Gina Lagorio, Davide Lajolo e Sergio Zavoli. La motivazione è: "La complessità di una vicenda tipica e drammatica della Svizzera italiana, ritmata tra presente e passato, tra documento storico e cronaca attuale, espressa in una struttura narrativa suggestivamente articolata in pluralità de felicità di toni ".
1984

Pubblica il romanzo La famiglia di Beatrice
Riduzione radiofonica del romanzo fatta da Fabio De Agostini e trasmessa a puntate alla RSI Rete 1

1985
1. premio di Radiotelescuola per il radiodramma Antonio da Tradate
1986
II romanzo La famiglia di Beatrice è tradotto in tedesco e pubblicato dalla Benziger Verlag, Zurigo, nella prestigiosa collana CH
1986
Partecipa al primo incontro internazionale degli scrittori di frontiera a Portorose con la conferenza La felicità sta sempre oltre la frontiera pubblicata negli atti del convegno.
1986
Premio per il racconto Le ceneri del Palacongressi alla prima rassegna internazionale di letteratura e poesia del Comune di Valverde (Catania) Italia. Racconto pubblicato nell'edizione del Corriere del Ticino del 5.9.1984
1987
Pubblica il romanzo Via Sant'Antonio nelle edizioni SPSAS con in copertina una riproduzione di un quadro di Alberto Salvioni.
1987
13 e 20 novembre. La RSI diffonde il radiodramma in due puntate Nicolao e il temerario eseguito con la regia di Giancarlo Zappa per commemorare il 500mo della morte di Nicolao della Flue.
1987
Premiato dall'ASSI, Associazione degli scrittori della Svizzera italiana per il radiodramma Re Carlo e il fuoco che venne dal cielo in un concorso indetto con la RTSI. II radiodramma è trasmesso il 9 settembre 1997 da Rete 1 con la regia di Mino Müller
1988
Scrive un saggio sullo scomparso scrittore grigionese Riccardo Tognina, pubblicato sul numero di luglio dei "Quaderni grigionesi"
1988
Partecipa al 2. incontro internazionale degli scrittori di frontiera di Portorose (Istria). Legge un saggio sull'Impegno per l'integrazione.
1988
Terzo premio per il racconto Elvezia felix alla 3. edizione del premio "Città di Montepulciano"
1988/91
E' designato presidente dell'ASSI, Associazione degli scrittori della Svizzera italiana
1989
Dal 16 al 26 ottobre è a Mosca, invitato dall'Unione degli scrittori dell'URSS. Partecipa a una tavola rotonda con l'editore Giulio Einaudi, il gesuita padre Sorge, direttore di Civiltà cattolica, assieme a personaggi di spicco della scena culturale dell'URSS sul tema del disgelo e dell'apertura verso l'occidente. E' ricevuto dall'Ambasciatore svizzero a Mosca Pianca ed ha con lui un lungo colloquio sugli sviluppi dell'URSS sotto Corbaciov. Rapporto della visita alla Pro Elvezia e al Dipartimento politico federale.
1989/91
Scrive il romanzo Evviva il Duce
1991
E' obiettore di coscienza nei confronti dei festeggiamenti del 700mo della Confederazione. Rifiuta da Solari l'invito a partecipare all'apertura ufficiale dei festeggiamenti nella Tenda di Botta al Castello di Bellinzona. Quale contributo all'analisi della situazione sociale e morale svizzera scrive il romanzo CH 91.
1991
La rivista degli albanesi all'estero Quadresa pubblica, tradotto in albanese, il racconto Turica Altopiano
1992/95
E' designato membro del comitato della SSS, Società svizzera degli scrittori
1994
II periodico letterario romando Le Passe Muraille, nell'edizione del mese di marzo, pubblica il saggio tradotto in francese La letteratura, la casa, l'incesto
1994
La rivista culturale romanda D'autre part diretta da Pascal Rebetez, pubblica il saggio Il empo e il denaro
1995
Pubblica il romanzo CH 91 presso l'editore Laffranchi di Bellinzona. In copertina un quadro di Enrico Bay
1995
Dopo trent'anni di attività lascia la funzione di Ufficiale di stato civile e di capo del servizio tutele della città di Locarno per assumere la direzione della Casa per anziani San Carlo.
1997
Lascia la direzione dell'Istituto San Carlo per dedicarsi totalmente all'attività pubblicistica e di scrittore. Partecipa regolarmente con contributi di critica sociale e di costume alla rubrica L'invitatodi Cooperazione, diretta da Orazio Martinetti e scrive articoli politici per il quotidiano La Regione
1998
Soggiorno in Ecuador e viaggio in Columbia. Lavora per un programma d'aiuto allo sviluppo nell'educazione e nelle scuole per l'Associazione non governamentale Multimicros
1998
E' di nuovo eletto nel comitato della Società Svizzera degli Scrittori con sede a Zurigo.
1999
Secondo soggiorno di un mese in Ecuador per aiuto allo sviluppo. Riapre una scuola a S. Juan Negro, chiusa per la partenza dei missionari combosiani. A Quito è aggredito da una banda di giovani che lo accoltellano e lo rapinano.
1999
Pubblica sull'antologia Der Stil ist eine Frage der Moral edita da Kimke und Nagel di Zurigo, il saggio Scrittori, lupi e vulcani
1999
II 13 novembre organizza a Locarno il simposio "Letteratura e politica". Intervengono i consiglieri nazionali Remigio Ratti, Ivette Jaggi, presidente di Pro Elvezia e Ernst Mühlemann, gli scrittori Lelio Demichelis, Bernard Comment, Roger Monnerat e Franco Zambelloni.
2000
Pubblica il racconto Il ferroviere sul no. 41 della Rivista letteraria e di cultura Bloc Notes. Terzo soggiorno di un mese in Ecuador dove opera per l'ONG Multimicros
Scrive quindicinalmente un articolo nella rubrica Presente e passato del settimanale della domenica Il Caffè
2001
Quarto soggiorno di un mese in Ecuador
2002
Soggiorno a Tangeri per conoscere e incontrare l'Islam in uno stato laico
Articolo sul velo islamico imposto o portato liberamente
2003
Conferenza pubblica su "L'Islam da apprezzare o tollerare"
Soggiorno di studio e documentazione a Cuba
Quinto soggiorno di lavoro in Ecuador.
Organizza per la città di Locarno una giornata di riflessione pubblica sui duecento anni d'appartenenza del Cantone alla Confederazione
2004

Invitato a scrivere un racconto da illustrare dalla Galleria "L'officina" di Magliaso
Invitato dai sindacati a tenere, quale scrittore, il discorso del 1. maggio in Piazza del Governo a Bellinzona. Parla a oltre mille persone ed ha un successo rilevato ampiamente dagli applausi, dalla stampa e da lettere di consenso ricevute.
Secondo soggiorno di studio a Tangeri, dove scrive il racconto La Pietà di Michelangelo.
Vince il II Premio Città di Ancona nella sezione poesia per il racconto scritto in prosa d'arte Cos'era, pubblicato nell'antologia "Voci nostre"

2005

Pubbllica, nel volume edito in occasione del 150 anniversario dell'Associazione svizzera degli ingegneri, il racconto La Pietà di Michelangelo. Il volume è presentato a Zurigo il 19 marzo.
Quale membro del comitato dell'Associazione svizzera degli autori si oppone alla decisione di non accogliere, per ragioni politiche, lo scrittore vallesano e consigliere nazionale Oskar Freysinger quale membro . La sua posizione suscita molto interesse e scalpore. Vengono pubblicate sue prese di posizione ed interviste nei giornali Le Temps, Tages Anzeiger, Basler Zeitung e Rubikon.
Promuove e organizza personalmente, nella Sala dei Borghesi di Locarno, la commemorazione del poeta Angelo Casé.
Esce nel mese di ottobre il romanzo “Evviva il Duce” presso le edizioni Ulivo di Balerna. Il libro è presentato il 14 ottobre alla Biblioteca Regionale da Diego Scacchi, Angelo Maugeri e Tiziana Zaninelli

2006

Scrive per La Regione del 10.10.2006 un contributo in risposta alla presa di posizione di Curonici concernente la cessazione dell’attività dell’ASSI (Associazione degli scrittori della Svizzera italiana).
Nel mese d’aprile terzo soggiorno di studio e documentazione a Cuba
Scrive un saggio sul concetto di Grande Locarno e sulla fusione dei comuni dell’agglomerato urbano locarnese. Il testo è inviato al Municipio della città e al Consiglio di Stato.
Nel mese di novembre è invitato dalla Facoltà di filologia italiana dell’Università di Salamanca con gli scrittori Urs Widmer dell’area tedesca e Lothar Deplazes, romancio, per una presentazione e letture delle sue opere
L’editore Jo Rezzonico, in occasione dei settant’anni dell’autore, pubblica una raccolta di articoli apparsi nella rubrica "Presente e passato" del settimanale "Il Caffé".
Il 21 dicembre 2006, nella Sala dei Borghesi di Locarno, Giovanni Merlini, presidente del PLR, Manuele Bertoli, presidente del PS, Fabio Bacchetta-Cattori, presidente del PPD e Silvano Toppi, economista, presentano la raccolta di articoli "Presente e passato" pubblicata da Rezzonico che modera la serata.


2007
Nuovo viaggio a Cuba con soggiorno all'Avana
2008

Soggiorno a Rio de Janeiro e raccolta documentazione nelle Favelas
Pubblica sulla "Rivista di diritto tutelare" il saggio "Le mutazioni della terminologia nel nuovo diritto sulla protezione degli adulti e la soppressione della nozione di "tutela" e di "tutore" (vedi testo in "Articoli")
Il 21 settembre presenta una riflessione all'audizione del procuratore Antonio Perugini e del gruppo operativo designato dal Consiglio di Stato "Giovani, violenza, educazione" (vedi testo in "Articoli")

Gli è diagnosticato un tumore e segue le terapie.

2009

In febbraio nuovo viaggio di studio e di lavoro a Cuba

Si occupa della revisione dei romanzi “Giusquiamo” , “La famiglia di Beatrice” e “Via Sant Antonio”. Continua la stesura e la completazione del romanzo “Gente di Brissago”

2010

In gennaio
Partecipa all'istituzione dell'Associazione culturale e politica “Incontro democratico“ presieduto da Diego Scacchi ed è designato nel comitato.

Conclude la revisione dei romanzi “Giusquiamo”, “La famiglia di Beatrice” e “Via Sant'Antonio” e li pubblica in un volume col titolo: “Trilogia di Locarno” presso la Casa editrice NEM (Nuova editrice Magenta) di Varese.
Continua la stesura e la revisione del romanzo “Gente di Brissago”.
Lavora alla revisione e alla raccolta in volume dei racconti pubblicati nel corso della sua attività letteraria.

2011

Pubblica il racconto "Helvetia felix" nella raccolta trilingue di testi di autori svizzeri "Globale Heimat.ch" coordinata da  da Charlotte Schaillié e Margrit W. Zinggeler per le Edizioni 8, Zurigo.

Partecipa ad un nuovo viaggio di studio a Cuba e pubblica una relazione sul sito: cuba-si.ch.

2012

Partecipa ad un viaggio di studio in Viet Nam e scrive una relazione pubblicata sul sito: cuba-si.ch.

Collabora alla rivista "Libero pensiero" dell'Associazione ticinese dei liberi pensatori, nell'estate pubblica in 5 puntate sul quotidiano La Regione" il racconto "Costanza", parte del romanzo rapsodico "Gente di Brissago".

Pubblica per le Edizioni Ulivo,Balerna, la raccolta "18 racconti" presentata il 7  dicembre da Giovanni Orelli alla Biblioteca regionale di Locarno.

Lavora assiduamente alla revisione del romanzo "Gente di Brissago".


2013

In febbraio, soggiorno a Sto Domingo, città di Azua, per progetto d'interventi d'aiuto e la ricostruzione di una scuola dell'infanzia nel Barrio Luperon, un quartiere povero e disastrato della città.

Il 4 maggio interviene all'assemblea del PEN Club a Lugano denunciando le intimidazioni, il dileggio, gli insulti e le calunnie pubblicate sul Mattino della Domenica, organo ufficiale della Lega dei Ticinesi che detiene la maggioranza relativa in governo, contro la sua persona che si esprime come scrittore. Denuncia pure i metodi e gli atteggiamenti fascisti di questo movimento.
Ritiene poco coerente l'atteggiamento del PEN che protegge gli scrittori stranieri e rimane indifferente agli attacchi degli scrittori locali.

Pubblica sul volumetto "Breve storia dell'ASSI" il saggio "La storia degli sconfitti".

Pubblica sul portale web "TicinoLibero" del 19 ottobre il saggio "Fascistizzazione della società e ignavia dei partiti".


2014

In febbraio primo soggiorno a Sto Domingo per stabilire le modalità d'aiuto finanziario alla ricostruzione della scuola dell'infanzia a Azua.

In novembre secondo soggiorno a Sto Domingo, dove si procede alla costruzione dei bagni e al pagamento dei servizi per la scuola dell'infanzia che ne è priva.

Partecipa finanziariamente al progetto per la purificazione e la potabilizzazione dell'acqua nella zona di Camaguey, promosso da Carlo Crivelli e dall'Associazione Svizzera Cuba e cofinanziato dai comuni e dalle città svizzere.

In interventi sulla Regione del mese di gennaio e di giugno critica l'atteggiamento e le posizioni del PLRT e della TV pubblica.

Il 6 giugno pubblica sul portale TicinoLibero un intervento che denuncia il "Femminicidio politico" culminato con l'esclusione di Laura Sadis dal governo.

Sul no. 3 della Rivista federale della protezione dei minori e degli adulti pubblica un saggio sulla riforma del diritto di famiglia italiano.

IL 18 agosto interviene al Centro culturale "IL Rivellino" denunciando l'intervento militare israeliano a Gaza dove sono stati massacrati 2000 civili dei quali 400 sono bambini.

L'11 ottobre interviene all'Assemblea dell'ASSI nella rievocazione dello scrittore Piero Bianconi a 30 anni dalla scomparsa.

Su "Opinione liberale" del 24 ottobre rievoca la persona di Franco Zorzi.

Partecipa con il racconto "Cambiare si può" al Premio Dialogare 2015.


2015

All'inizio dell'anno nuovo viaggio a Cuba. Studio del soggiorno di Heminguay sull'isola. Contribuisce al progetto di potabilizzazione dell'acqua a Camaguey.

In novembre nuovo viaggio a Santo Domingo dove conclude i lavori per l'edificazione della scuola nel quartiere Los Cartones di Azua.

Pubblica presso ANA edizioni di Franco Lafranca il racconto "L'inviato" riprodotto sul settimanale "AZIONE".

In novembre esce presso l'editore MIMESIS di Milano il romanzo "Gente di Brissago".

2016

8 aprile: all'Albergo Brenscino di Brissago ha luogo la presentazione del romanzo "Gente di Brissago" . Relatori sono il filosofo Fabio Merlin, lo storico Marco Marcacci e il parroco di Chiasso Gianfranco Feliciani. Dopo la presentazione l'autore ha invitato amici ed estimatori a una cena per festeggiare l'80mo compleanno. Fra i presenti si notavano Laura Sadis e Dick Marty, già consiglieri di Stato, Diego Scacchi, Marco Balerna e Carla Speziali, già sindaci di Locarno.

Completa la costruzione della scuola con studio medico e sala riunioni nel barrio Los Cartones a Azua (Sto Domingo)

Il 20 maggio interviene all'assemblea della CORSI a Lugano in difesa della lingua italiana e per stigmatizzare le trasmissioni ossessive in lingua inglese. Su 10 canzoni trasmesse a mezzogiorno da Rete Uno otto sono in inglese e due in italiano. Alla TV praticamente solo film spazzatura americani. Nei programmi non sono neanche tradotti in italiano i titoli dei film. Nello sport , specialmente nel disco su ghiaccio solo termini inglesi. L'egemonia culturale imperialista degli Stati Uniti ha raggiunto limiti intollerabili secondo Alberti.

Il romanzo "Gente di Brissago" è segnalato al Premio letterario Stresa nella sua edizione 2016.


Home BiografiaBibliografiaArticoliForumContatto
 
 
Arnaldo Alberti © 2017 Tutti i diritti riservati